Integrazione 23 dicembre 2010 - Tratte B1, B2, C, D opere di compensazione

Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. con sede legale in Milano, P.za della Repubblica 32, C.F. e P. I.V.A. e iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano con n. 08558150150, REA 1232570, capitale sociale euro 200.000.000,00 (interamente versato) soggetta a direzione e coordinamento di Milano – Serravalle – Milano Tangenziali S.p.A., Concessionaria di Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A., con sede in Milano Via Copernico 42, capitale sociale euro 4.000.000,00, iscritta al registro delle Imprese di Milano con n. 05645680967, REA 1837186.

PROGETTO DEFINITIVO DEL "COLLEGAMENTO AUTOSTRADALE DALMINE – COMO – VARESE – VALICO DEL GAGGIOLO ED OPERE AD ESSO CONNESSE" – TRATTE B1, B2, C, D ED OPERE DI COMPENSAZIONE (CUP: F11B06000270007) - Infrastruttura strategica di preminente interesse nazionale ai sensi degli artt. 161 e ss. del D.Lgs. 163/2006.

AVVISO DI AVVIO DEL PROCEDIMENTO FINALIZZATO ALLA DICHIARAZIONE DI PUBBLICA UTILITA' AI SENSI DEL COMBINATO DISPOSTO DEGLI ARTICOLI 169, COMMA 6, E 166, COMMA 2, DEL D.LGS 12 APRILE 2006 N. 163.
 

___________________________


La Società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A., con sede legale in Milano, Piazza della Repubblica, n. 32, in qualità di Società Concessionaria, per la progettazione, costruzione e gestione del Collegamento Autostradale Dalmine – Como – Varese – Valico del Gaggiolo ed opere ad esso connesse, di Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A.

PREMESSO CHE:
I- la Società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. (d'ora in avanti anche "APL") è Concessionaria per la progettazione, costruzione e gestione del Collegamento Autostradale Dalmine – Como – Varese – Valico del Gaggiolo ed opere ad esso connesse (d'ora in avanti anche il "Collegamento Autostradale") in forza di Convenzione Unica sottoscritta con la Concedente, Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A., in data 1° agosto 2007;
II- il Collegamento Autostradale, rientrante nell'ambito del 1° Programma delle Infrastrutture Strategiche di preminente interesse nazionale di cui alla Deliberazione del C.I.P.E. n. 121 del 21 dicembre 2001, è localizzato nella Regione Lombardia, segnatamente nelle province di Bergamo, Como, Milano, Monza Brianza e Varese;
III- il Progetto Preliminare del Collegamento Autostradale è stato approvato dal C.I.P.E. con Delibera del 29.03.2006 n. 77, ai sensi e per gli effetti dell'art. 3 del D.Lgs. 190/2002, nonché ai sensi del disposto dell'art. 10 del D.P.R. n. 327/2001 e ss.mm.ii., anche ai fini dell'attestazione di compatibilità ambientale e dell'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio;
IV- il Progetto Definitivo del Collegamento Autostradale è stato approvato dal C.I.P.E. con delibera del 6 novembre 2009, n. 97, con prescrizioni e raccomandazioni, ai sensi e per gli effetti degli articoli 166 e ss. del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. nonché ai sensi dell'art. 12 del D.P.R. 327/2001, anche ai fini della dichiarazione di pubblica utilità dell'opera; il progetto definitivo per le opere di cui trattasi, prevede che dalla autostrada A9 il tracciato, mantenendo sempre le medesime caratteristiche geometriche della piattaforma stradale (ascrivibile alla cat. A urbana del D.M. 5/11/2001) e rimanendo sempre prevalentemente in trincea, si connette, procedendo verso est dopo circa 7,5 Km., alla S.P. ex S.S. n.35 (Ex Statale "dei Giovi") in comune di Lentate sul Seveso in provincia di Monza Brianza. In tale tratta sono presenti lo svincolo di Lazzate e l'Interconnessione con la S.P. ex S.S. n.35 a Lentate sul Seveso. A partire dall'Interconnessione di Lentate sul Seveso, il tracciato si sovrappone al sedime della Ex Statale "dei Giovi" per circa 9,5 Km. fino al comune di Cesano Maderno lungo una direttrice nord-sud. La piattaforma stradale rimane con due corsie più emergenza per senso di marcia fino al comune di Meda dal quale, pur rimanendo di cat. A - D.M. 05.11.2001, passa a tre corsie più emergenza per senso di marcia. Lungo la tratta B2 sono presenti due semi-svincoli (Lentate sul Seveso e Barrucana) ed uno svincolo completo a Meda. All'altezza del comune di Cesano Maderno, il tracciato abbandona il sedime della Ex Statale "dei Giovi" e, procedendo verso est per circa 16,5 km., si interconnette con la Tangenziale Est (A51) in comune di Vimercate rimanendo sempre all'interno della provincia di Monza Brianza. Lungo l'estesa della tratta C, sono presenti lo svincolo di Cesano Maderno di interconnessione con la Ex Statale "dei Giovi", lo svincolo di Desio di interconnessione con la S.S. 36 "del Lago di Como e dello Spluga", lo svincolo di Macherio, quello di Arcore e l'interconnessione con la Tangenziale Est. La piattaforma stradale è costituita da tre corsie più emergenza per senso di marcia fino allo svincolo di Arcore compreso. L'estesa chilometrica complessiva, per l'infrastruttura, del tratto con tre corsie più emergenza per senso di marcia, risulta quindi essere di circa 18,5 Km. Superata l'Interconnessione con la A51, il tracciato, procedendo verso est, entra nella provincia di Bergamo e, dopo circa 18,5 Km, si interconnette con l'autostrada A4 interessando i comuni di Osio Sotto e Brembate. La tratta D, che possiede pari percentuale di trincea e rilevato, prevede gli svincoli di Bellusco, Cornate d'Adda, Filago (con barriera di esazione) e di Osio Sotto (con barriera di esazione). Il tracciato, che lungo la tratta mantiene le due corsie più emergenza per senso di marcia, a confine tra le province di Milano e Bergamo, supera il fiume Adda con un viadotto della lunghezza di 760 mt. L'infrastruttura comprende anche strade ordinarie, denominate Opere Connesse, costituite da viabilità Extraurbana secondaria (cat. C - D.M. 05.11.2001 n. 6792) ovvero Locale (cat. F - D.M. 05.11.2001). Il Progetto Definitivo dell'infrastruttura di cui al presente avviso comprende anche le Opere di Compensazione costituite dalla Greenway della lunghezza di circa 90 Km con sezione variabile da 3 a 25 mt.
V- il Soggetto Aggiudicatore, ai sensi della normativa vigente in materia, deve assicurare il rispetto delle prescrizioni e delle raccomandazioni impartite dal C.I.P.E. con le predette approvazioni ed apportare le modifiche e le integrazioni conseguenti;
VI- l'ottemperanza alle prescrizioni e alle raccomandazioni dettate dal C.I.P.E. con il citato provvedimento deliberativo e l'approvazione del Programma di risoluzione delle interferenze con impianti di pubblici servizi, redatto sulla base delle proposte e/o richieste presentate dagli Enti Gestori degli stessi impianti - acquisite a mezzo della Conferenza di Servizi indetta dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ai sensi dell'art. 166, co. 3 e 4 del D.Lgs. 163/2006 - hanno comportato modifiche, adeguamenti ed integrazioni progettuali per le parti del Collegamento Autostradale oggetto del presente atto, ovvero:

- Tratta B1 e opera connessa TRCO11 nei comuni di Fenegrò, Turate, Lomazzo, Bregnano, Lazzate, Cermenate, Carimate, Lentate sul Seveso, Rovellasca, Misinto, Rovello Porro, Saronno, Ceriano Laghetto.
- Tratta B2 e opere di viabilità locale nei comuni di Lentate sul Seveso, Barlassina, Meda, Seregno, Seveso, Cesano Maderno, Lazzate, Bovisio Masciago.
Tratta C e opere connesse TRMI10 e TRMI17 nei comuni di Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio, Seregno, Lissone, Macherio, Biassono, Lesmo, Arcore, Usmate Velate, Vimercate, Sovico, Vedano al Lambro.
- Tratta D con svincolo di Osio Sotto ed opere connesse TRMI14, TRMI12, TRBG01, TRBG03 nei comuni di Carnate, Vimercate, Bellusco, Sulbiate, Mezzago, Aicurzio, Bernareggio, Cornate d'Adda, Bottanuco, Capriate San Gervasio, Filago, Brembate, Osio Sotto, Boltiere, Bonate di Sopra, Bonate di Sotto, Chignolo d'Isola, Terno d'Isola.
- Greenway nei comuni di Cassano Magnago, Gallarate, Lomazzo, Misinto, Cesano Maderno, Seregno, Macherio, Biassono, Vimercate, Sulbiate, Cornate d'Adda, Bottanuco, Capriate San Gervasio, Filago, Osio Sotto.

con conseguente modificazioni del piano di esproprio originario e, pertanto, ai sensi dell'art. 169, co. 6, del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. è necessario procedere nuovamente all'approvazione ai fini della dichiarazione di pubblica utilità del progetto relativo alle suddette parti del Collegamento Autostradale. 
Gli interventi di cui trattasi sono localizzati nell'ambito della Regione Lombardia, Province di Bergamo (comuni di Boltiere, Bonate di Sopra, Bonate di Sotto, Bottanuco, Brembate, Capriate San Gervasio, Chignolo d'isola, Filago, Osio Sotto, Terno d'isola), Como (comuni di Bregnano, Carimate, Cermenate, Fenegrò, Lomazzo, Rovellasca, Rovello Porro, Turate), Monza e Brianza (comuni di Aicurzio, Arcore, Barlassina, Bellusco, Bernareggio, Biassono, Bovisio Masciago, Carnate, Ceriano Laghetto, Cesano Maderno, Cornate D'adda, Desio, Lazzate, Lentate Sul Seveso, Lesmo, Lissone, Macherio, Meda, Mezzago, Misinto, Seregno, Seveso, Sovico, Sulbiate, Usmate Velate, Vedano al Lambro, Vimercate), Varese (comuni di Cassano Magnago, Gallarate, Saronno);
VII- tale nuova riapprovazione necessita di nuove comunicazioni alle ditte interessate, ai sensi e per gli effetti del combinato disposto degli articoli 169, co. 6, e 166, co. 2, del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii.;
VIII- APL, in qualità di Concessionaria, è stata delegata dalla Concedente CAL S.p.A., ai sensi dell'art. 6, co. 8, del d.P.R. 327/2001 e dell'art. 23, co. 1, della Convenzione Unica, all'esercizio dei poteri espropriativi inerenti tutte le procedure previste dal d.P.R. 327/2001, ivi compreso l'espletamento della comunicazione prevista dall'art. 166, co. 2, del D.Lgs. 163/2006;

tutto ciò premesso,

COMUNICA

l'avvio del procedimento finalizzato all'integrazione della Dichiarazione di Pubblica Utilità del Progetto Definitivo del "Collegamento Autostradale tra Dalmine – Como – Varese – Valico del Gaggiolo ed opere ad esso connesse" disposta con deliberazione C.I.P.E. del 6 novembre 2009, n. 97, limitatamente alle parti del Collegamento Autostradale oggetto del presente atto, ovvero:
- Tratta B1 e opera connessa TRCO11 nei comuni di Fenegrò, Turate, Lomazzo, Bregnano, Lazzate, Cermenate, Carimate, Lentate sul Seveso, Rovellasca, Misinto, Rovello Porro, Saronno, Ceriano Laghetto.
- Tratta B2 e opere di viabilità locale nei comuni di Lentate sul Seveso, Barlassina, Meda, Seregno, Seveso, Cesano Maderno, Lazzate, Bovisio Masciago.
- Tratta C e opere connesse TRMI10 e TRMI17 nei comuni di Bovisio Masciago, Cesano Maderno, Desio, Seregno, Lissone, Macherio, Biassono, Lesmo, Arcore, Usmate Velate, Vimercate, Sovico, Vedano al Lambro.
- Tratta D con svincolo di Osio Sotto ed opere connesse TRMI14, TRMI12, TRBG01, TRBG03 nei comuni di Carnate, Vimercate, Bellusco, Sulbiate, Mezzago, Aicurzio, Bernareggio, Cornate d'Adda, Bottanuco, Capriate San Gervasio, Filago, Brembate, Osio Sotto, Boltiere, Bonate di Sopra, Bonate di Sotto, Chignolo d'Isola, Terno d'Isola.
- Greenway nei comuni di Cassano Magnago, Gallarate, Lomazzo, Misinto, Cesano Maderno, Seregno, Macherio, Biassono, Vimercate, Sulbiate, Cornate d'Adda, Bottanuco, Capriate San Gervasio, Filago, Osio Sotto.

A tal fine

AVVISA CHE:
- gli elaborati costituenti il progetto in questione sono depositati, per la pubblica consultazione, per 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso presso la sede legale della Società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. - Piazza della Repubblica, 32 - Milano (ove potrà essere visionato dagli interessati, nei giorni lavorativi, dalle 14,30 alle 18,00 dal lunedì al giovedì, nonché dalle 9,30 alle 12,30 il venerdì, previo appuntamento telefonico al n. 02/6774121) nonché presso la Regione Lombardia - Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità, Via Gioia, 37 - Milano (ove potrà essere visionato dagli interessati nei giorni lavorativi, dalle 9,30 alle ore 12,30 e dalle 14,30 alle 16,30 dal lunedì al giovedì, nonché dalle 9,30 alle 12,30 il venerdì, previo appuntamento telefonico al n. 02/67654870);
- ai sensi dell'art. 166, co. 2, del D.Lgs. n. 163/2006, i privati interessati dalle attività espropriative previa consultazione degli elaborati progettuali depositati, possono far pervenire, in forma scritta, le proprie osservazioni entro il termine perentorio di 60 (sessanta) giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso, mediante raccomandata con avviso di ricevimento, indirizzata al Direttore Tecnico della Società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A., presso la sede legale della Società;
- le osservazioni pervenute nei termini sopraindicati saranno valutate, per le conseguenti determinazioni, da Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A., nella sua qualità di Soggetto Aggiudicatore del Collegamento Autostradale, secondo quanto previsto dal sopra citato art. 166, co. 2, D.Lgs. 163/2006;
- i soggetti interessati dalle procedure espropriative e/o asservimento e/o occupazione temporanea derivanti specificamente dalle modifiche e integrazioni apportate al Progetto Definitivo del Collegamento Autostradale approvato dal C.I.P.E., inerenti alle Tratte B1, B2, C, D ed opere connesse e di compensazione, ed a seguito della citata approvazione del Programma di risoluzione delle Interferenze, che risultano proprietari secondo i registri catastali, sono indicati, con suddivisione per Provincia, Comune, Asse Principale, Opere Connesse e Opere di Compensazione, nell'elenco di seguito riportato;
- coloro i quali non fossero proprietari, sono tenuti a comunicarlo ad Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. entro 30 (trenta) giorni dal presente avviso, indicando, altresì, ove ne fossero a conoscenza, il proprietario o, comunque, a fornire copia degli atti in possesso utili a ricostruire le vicende degli immobili interessati.

Si evidenzia che le parti di Progetto Definitivo rimaste immutate rispetto all'approvazione da parte del C.I.P.E. con delibera n. 97/2009, non potranno essere oggetto di osservazioni, essendosi già perfezionata a tutti i fini espropriativi, per le opere considerate in dette parti, la dichiarazione di pubblica utilità.

Si procede alla pubblicazione del presente avviso sui quotidiani "Italia Oggi" e "Il Giornale Milano", nonché, al fine di darne massima diffusione, alla pubblicazione sui siti internet di Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A. e di Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A., di seguito indicati: www.calspa.it,www.pedemontana.com.

Milano, 23/12/2010

f.to L'Amministratore Delegato
Arch. Salvatore Lombardo